STRATEGIE

Polegato (Geox): «A Expo rappresentiamo l’ “Italia tecnologica” nel mondo»

Mario Moretti Polegato, fondatore e presidente di Geox, ha parlato stamattina (15 settembre) a Milano dell’esperienza del marchio a Expo 2015, in qualità di sponsor tecnico del Padiglione Italia. L’incontro stampa ha fornito l’occasione per conoscere numeri e strategie di un’azienda che «sta cambiando il modo di concepire le calzature e che rappresenta l’ “Italia tecnologica” nel mondo».

 

Polegato ha sottolineato come Expo 2015 abbia significato «l’apice della soddisfazione per un brand nato pochi anni fa - e in cui molti non credevano - arrivato oggi a essere conosciuto dal 65% delle persone nei 115 Paesi in cui è presente, grazie a un prodotto unico, innovativo, che sta cambiando il modo di concepire la calzatura, evidenziando la necessità di far “respirare” il piede».

 

«Solo noi abbiamo questa formula. Siamo stati capaci di crearla e di gestirla grazie ai brevetti. E siamo stati in grado di innovare in un’Italia che non sempre sa farlo. Geox deve essere un esempio per questo Paese», aggiunge il presidente.

 

Polegato ha insistito sulla ricetta Geox: abbinare la tecnologia allo stile, conservando un prezzo accessibile per le famiglie. L’azienda investe il 2% in ricerca e sviluppo. «Abbiamo tanti altri brevetti nel cassetto. Quello che ci contraddistingue è la passione per l’innovazione», afferma.

 

Geox ha realizzato un fatturato di 814,6 milioni di euro nel 2014, in crescita del 9,6% sul 2013. L’Italia pesa per un 33% sul totale; il resto d’Europa per il 50%. La Russia, contrariamente al trend generale, sta andando particolarmente bene.

 

Altre due aree su cui l’azienda punta molto sono la Cina e gli Stati Uniti. Nel primo Paese si conta sulla crescita esponenziale della classe media. Nel secondo sul fatto che la nazione a stelle e strisce è la patria della ricerca del benessere e del comfort, anche in fatto di calzature. Ed è questa la dimensione sempre più presidiata da Geox con i suoi ultimi prodotti.

 

Durante l’incontro Giulia Ceriani di Baba Consulting ha presentato uno studio sui nuovi valori di wellfeeling e di wellbeing, in cui sono emersi i concetti di “comfort cool” e “urban walker”, in sintonia con gli orientamenti dell’azienda di Treviso.

 

Per Expo 2015 Geox ha fornito circa 900 pezzi tra uomo e donna al personale del Padigione Italia, tra cui il modello femminile Elina, una slingback in pelle verde e placca decorativa, raffinata e comoda, grazie alla suola traspirante abbinata al tacco sei.

 

Per i ragazzi è stata scelta invece Nebula, che riunisce in un’unica calzatura i più importanti brevetti dell’azienda. Il 3D Breathing Engineering, l’Inner Breathing System e il Net Breathing System sono infatti integrati con alti standard di leggerezza, tenuta e impermeabilità e con l’esclusivo effetto cushoning 3D Performance Unit.

 

L’esperienza dell’esposizione universale ha originato la capsule collection “Orgoglio Italia”, composta dal modello maschile Nebula e dalla city sneaker femminile Shahira, disponibili rispettivamente al prezzo di 125 e 119 euro in una selezione di circa 30 monomarca Geox in Italia e attraverso l’e-store geox.com.

 

 

stats