Salvataggi

Ikf offre 3 milioni per Ittierre

La società d'investimenti Ikf, quotata sul mercato Aim, è disposta a rilevare Ittierre. L'operazione prevede un contratto d'affitto d'azienda per 36 mesi a un canone annuo di 300mila euro.

 

Ikf ha formalizzato l'offerta al presidente Antonio Bianchi, anche se le ipotesi di un suo interesse circolavano già da gennaio. Al termine dei tre anni, l'investment company presieduta da Francesco Arcucci e che vede nel ruolo di a.d. Andrea Maria Gritti, avrà la facoltà di acquistare il produttore di abbigliamento molisano previo versamento di 3 milioni di euro (al lordo del canone già corrisposto). L'accordo, che è subordinato a una due diligence sul valore di magazzino, prevede che vengano assorbiti almeno 15 dipendenti nei primi sei mesi, almeno 25 nel tempo (in base alle licenze che riuscirà a sottoscrivere), per arrivare a 90-100 nei primi 24 mesi.

 

Come riporta la stampa locale, la newco che nascerà sarà controllata dalla Luigi Botto, azienda tessile biellese comprata da Ikf l'anno scorso. La nuova Ittierre dovrebbe produrre una linea di abbigliamento maschile a marchio Luigi Botto.

 

Nella mattinata di oggi il cda di Ittierre ha illustrato il piano concordatario (presentato in settembre) e i termini dell'accordo al giudice Vassallo del Tribunale di Isernia.

 

stats