Salvataggi

Marly's in mani inglesi

Il gruppo britannico Shani Group Plc. ha firmato un contratto d'affitto, con proposta di acquisto, per il produttore e distributore di womenswear Marly’s Confezioni Spa, per una cifra non divulgata.

 

Come spiega un comunicato, si tratta del penultimo passo di una procedura complessa che dovrebbe concludersi in novembre. L’acquisto delle attività commerciali di Marly’s permette a Shani Group di entrare nel mercato italiano e di rilevare importanti marchi in licenza (nel portafoglio della società di Arzignano ci sono brand come Carlo Pignatelli e Gai Mattiolo, inoltre è in essere una collaborazione produttiva con il Gruppo Versace).

 

Dice Barry Hollis, co-proprietario e presidente di Shani Group: “Operare con le leggi concorsuali italiane non è stato facile, ed è un sollievo aver raggiunto questa tappa importante. Siamo entusiasti per il futuro del nostro business in Italia e per la sua espansione”. “Siamo molto contenti che Marly’s diventi parte del gruppo Shani. Il futuro è roseo", commenta il presidente dell'azienda vicentina Paolo Bastianello, che è anche vicepresidente tesoriere di Sistema Moda Italia.

 

La realtà britannica, che apporterà competenze industriali, un ampio network internazionale e la sua solidità finanziaria, ha assunto 20 dipendenti dalla Marly’s, come previsto nell’accordo tra le parti.

 

Fondata nel 1955 e a tutt'oggi gestita dalla famiglia Hollis, è specializzata nell'abbigliamento femminile e produce e vende abbigliamento a retailer come Marks & Spencer, Jacques Vert, Whistles ed Esprit.

 

stats