Salvataggi

Stefanel: ok dei soci all'aumento di capitale. Entrano i fondi Oxy e Attestor

La recente assemblea degli azionisti di Stefanel ha dato il via libera all'aumento di capitale riservato da 10 milioni di euro che sancisce l'ingresso dei fondi Oxy Capital e Attestor (attraverso Trinity) come soci di controllo del gruppo veneto dell'abbigliamento.

 

«L’Assemblea - si legge in un comunicato - ha preso atto della situazione patrimoniale di Stefanel S.p.A. al 30 giugno 2017, dalla quale emerge un patrimonio netto negativo per euro 21.749.337». Le perdite complessive risultano pari a 38,2 milioni.

 

«Si è conclusa una tappa molto importante del percorso verso la nuova Stefanel con l‘approvazione dell‘aumento di capitale, che porterà all‘ingresso effettivo degli investitori con una quota del 71% - ha detto a Reuters Stefano Visalli (co-fondatore di Oxy Capital Italia entrato nel cda di Stefanel prima dell'estate) - a margine dell‘assemblea. Sono molto soddisfatto per un percorso complesso che arriva ormai a conclusione. Ora mancano solo le necessarie valutazioni delle autorità e l‘omologa del tribunale».

 

Secondo i vertici di Oxy Capital (con base in Italia e Portogallo, il cui 30% è in mano all'inglese Attestor) il salvataggio di Stefanel passa per un maggiore focus sul canale wholesale, con il ridimensionamento e la razionalizzazione della rete di negozi, e investimenti in marketing, social e promozioni. Il marchio rimarrà posizionato nel segmento "affordable quality", «per donne tra i 35 e i 50 anni, non per Millennial, un po’ sopra il target di Benetton o Zara».

 

«Uno dei problemi di Stefanel è che è stato alzato troppo il target - hanno detto i fondatori di Oxy a Reuters - spingendolo verso il lusso, senza accompagnarlo da una adeguata qualità. Bisogna ricalibrare il rapporto qualità/prezzo alzando il livello dei tessuti e della confezione. Per questo pensiamo anche a un reshoring, riducendo il peso dei fornitori cinesi e riportandone una parte in Italia, Turchia e Romania» (nella foto, il negozio di Milano in Galleria Vittorio Emanuele II).

 

stats