Semestrali

Harmont & Blaine: i ricavi salgono a 34 milioni e per il 2013 si stima un +20%

Harmont & Blaine archivia il primo semestre 2013 con un fatturato in crescita del 12,5% a 34,1 milioni di euro. La società partenopea stima di chiudere l'anno con ricavi pari a 72 milioni, mettendo a segno un incremento delle vendite di oltre il 20%.

 

 

L'a.d. dell'azienda di moda, Domenico Menniti, si è detto soddisfatto per gli obiettivi centrati, "primo tra tutti quello del retail diretto in Italia che passa dai 10,1 milioni di euro del 2012 ai 16,7 milioni del 2013 con un incremento del 64,5%". Positivi anche i risultati sul fronte delle vendite estere, che nei primi sei mesi di quest'anno sono state pari a 6,1 milioni (+24,7%).

 

Il buon andamento dell'export dovrebbe dare slancio anche al fatturato del secondo semestre, grazie anche alle recenti aperture di Mexico City, Yerevan (nella foto) e Panama nonché quelle annunciate di Praga e Mosca, pianificate nella seconda parte dell'anno.

 

 

Ma il marchio del bassotto non trascura l'Italia: dopo i recenti opening di Pescara e Viareggio, è previsto l'opening entro la fine del 2013 di una boutique all'aeroporto di Roma Fiumicino.

 

 

stats