Semestrali

Profitti oltre le attese da Burberry

Il gruppo britannico Burberry termina la prima metà dell'esercizio con ricavi pari a 883 milioni di sterline, in aumento dell'8% rispetto allo stesso periodo del 2011, e profitti ante-imposte pari a 173 milioni di sterline, in crescita del 6,8% e sopra le stime degli analisti.

 

Le attese erano infatti di utili pretasse nell'intervallo 157-172 milioni di sterline, secondo quanto riportato dall'agenzia Reuters. Come anticipato da fashionmagazine.it in ottobre, Burberry ha accusato un rallentamento nel secondo trimestre fiscale: le vendite a store comparabili hanno segnato un +1%, dal +6% del primo quarter, portando la performance semestrale a un +3%. A commento dei risultati, il ceo Angela Ahrendts ha evidenziato che, nel difficile contesto economico attuale, il business retail/wholesale (pari al 90% del totale della società) è salito del 7% in termini di turnover e dell'11% a livello di profitti. "Continueremo a investire nel retail (180-200 milioni di sterline, il capitale stanziato allo scopo per quest'anno, ndr), nel digitale e nella tecnologia", ha ribadito. Ahrendts scommette inoltre sulle "significative opportunità" che deriveranno dal controllo diretto delle attività legate al beauty e ai profumi, efficace dal prossimo aprile e in precedenza in carico a Interparfums. Il "divorzio" ha comportato oneri straordinari per 73,8 milioni di sterline.

 

stats