Start-up

Imperial esordisce nel segmento under 14 con Altana e chiude il semestre a +17%

Con l'obiettivo di uscire con otto/dieci lanci all'anno (e in futuro anche di più) inizia la nuova avventura di Imperial nel mondo del childrenswear (6-14 anni) intrapresa con Altana. La licenza quinquennale riguarda le linee Please (bambina) e Imperial (bambino) e promette di far correre l'azienda di fast fashion, che archivia il primo semestre a 65,2 milioni di euro (+17%).



Le collezioni, che portano nel mondo della moda bimbo l'offerta del marchio pensata per gli adulti, sarà in vendita a partire da fine luglio in circa 250 punti vendita in Italia con l'autunno-inverno 2013/2013. "All'estero andremo a coprire inizialmente l'Europa con Germania e Francia, Middle East e anche in Russia abbiamo già ottenuto il riscontro dei nostri key client", ha spiegato a fashionmagazine.it Barbara Donadon, amministratore delegato di Altana, che ha aggiunto: "Il progetto interessa molto i buyer, perché per la prima volta porta sul mercato dell'abbigliamento per bambini due argomenti centrali delle ultime stagioni: il fast fashion e il 100% made in Italy".



"Abbiamo scelto Altana per debuttare nel mondo del kid perché sono i migliori sul mercato - ha tenuto a precisare Adriano Aere, presidente di Imperial -. Siamo sempre pronti a cogliere nuove sfide. Siamo un'azienda dinamica, completamente made in Italy, caratteristica indispensabile per affermarsi sul mercato come dimostrano i numeri: contiamo di chiudere il 2013 a quota 135 milioni di euro".

 

 

 

stats