Stati di crisi

Carven chiede il concordato preventivo

La maison Carven è in difficoltà. La proprietà - il gruppo Beranger, una holding in capo a otto soci - vuole chiedere la "procedure de sauvegarde", sorta di concordato preventivo, che sospende il pagamento dei debiti per permettere a un'azienda in difficoltà di rilanciarsi.

 

Come riportano i media francesi, da circa tre anni i ricavi della griffe sono scesi, fino ad arrivare a una ventina di milioni di euro. La causa sarebbe da attribuire all'uscita di scena, nel 2014, del designer Guillaume Henry (lo stesso che di recente ha lasciato anche Nina Ricci, dopo tre anni alla direzione creativa), nel 2010 artefice del rilancio del brand fondato nel 1945 da Marie-Louise Carven.  

 

I suoi successori, come emerge da Les Echos, non sarebbero riusciti a fidelizzare i clienti di un marchio che, nelle intenzioni del gruppo Beranger (per due terzi in mano alla società di Hong Kong Bluebell), avrebbe dovuto imporsi nella couture accessibile.

 

Dal gennaio 2017 il creative director è Serge Ruffieux, arrivato nella maison dopo circa 10 anni in Christian Dior, dove tra 2015 e il 2016 (fra l'uscita di Raf Simons e l'arrivo di Maria Grazia Chiuri) ha avuto il ruolo di co-artistic director.

 

Prima di lui, al design di Carven c'era il duo Alexis Martial e Adrien Caillaudaud, uscito dalla fashion house nell'ottobre 2016.

 

Un piano di ristrutturazione lanciato nel 2016 ha portato alla sospensione del ready-to-wear maschile e alla chiusura dello store di New York ma non è stato sufficiente.

 

Il colpo di grazia paria sia arrivato con un problema legato ai fornitori che avrebbe impedito la realizzazione della collezione per la primavera-estate 2018 (nella foto, un look della sfilata) e portato alla cancellazione delle consegne.

 

La maison occupa un centinaio di addetti e conta monomarca a Parigi, Cannes e Londra, oltre a 300 punti vendita in 38 Paesi.

 

Nella procedura non sono coinvolti i profumi, un business di successo che dal 2010 è in capo al gruppo Bogart.   

 

stats