Strategie

A Napoli una rete d'imprese del calzaturiero

I calzaturieri campani si mettono in rete per diventare più competitivi. Al momento sono 15 le imprese coinvolte nel progetto "Napoli Shoes", sostenuto dalle autorità locali e da Anci, per un totale di 300 addetti e un fatturato complessivo di 150 milioni di euro.

 

Il tema della rete è stato affrontato al recente tavolo "Azioni per la competitività del settore calzaturiero" promosso a Napoli dalla Regione, in collaborazione con l'associazione dei calzaturieri, che ha visto la partecipazioni di 30 aziende.

 

"Il contratto di rete - ha spiegato l'esperto Giancarlo Senese per Anci - è uno strumento giuridico introdotto nel 2009, quindi ancora relativamente nuovo e poco conosciuto, che si pone due obiettivi fondamentali: far lavorare le Pmi in maniera congiunta e avviare una collaborazione per migliorare la capacità di innovare e produrre". "Con questo strumento - ha aggiunto - si crea una sorta di sovrastruttura tra aziende, prima in competizione sul mercato, poi ‘alleate’: un lavoro in team, nel quale però le imprese mantengono la propria autonomia amministrativa, commerciale e produttiva".

 

La sottoscrizione del contratto è prevista con atto pubblico notarile entro il 15 febbraio.

 

stats