Strategie

Adidas torna a produrre le sneaker in Germania

Il gigante dello sportswear Adidas ha deciso di riportare la produzione di massa di calzature per il running in Germania, che aveva lasciato (con la chiusura di 10 impianti) nel 1993 per la più conveniente Asia, in particolare Cina e Vietnam.

 

Come riporta Reuters, la nuova strategia del gruppo tedesco si deve anche ai progressi nella robotica e nell'automazione, che rendono competitiva anche una produzione "di prossimità", vicina ai consumatori di riferimento e pronta a rispondere ai veloci cambiamenti della domanda.

 

Il reshoring è inoltre dettato dall'aumento dei salari in Oriente e dalle tempistiche nelle spedizioni, che impediscono di fare arrivare velocemente i nuovi prodotti al consumatore.

 

In questi giorni la nuova "Speedfactory" di Adidas (nella foto, una nuova tecnologia della robotica) nel Sud della Germania, prossima a occupare 160 addetti, ha prodotto i primi 500 prototipi, che saranno venduti entro l'anno. Una fabbrica simile dovrebbe aprire anche negli Stati Uniti nel 2017.

 

Nelle stime del ceo uscente Herbert Hainer, a regime i due impianti arriveranno a sfornare un milione di paia di calzature l'anno. Nel medio termine questa tipologia di factory dovrebbe essere esportata nei maggiori mercati.

 

Il ceo ha precisato che si tratta di un supplemento, e non di un rimpiazzo delle produzioni in Asia, da cui provengono 300 milioni di paia di calzature del gruppo Adidas l'anno.

 

stats