Strategie

Al via la new wave di Ten C

Marchio di punta nella scuderia di Enzo Fusco, il brand di capsispalla informali Ten C è sceso nell'arena di Pitti Uomo per dare maggiore slancio alla distribuzione, in senso geografico e numerico. Ne parla il nuovo coo, Massimiliano Tosi.

 

Manager col pedigree, Tosi vanta nel suo curriculum ruoli di presidente per realtà come Napapijri e di Tristate International-C.P. Company e ora si mette in gioco con Ten C: «Un'etichetta di super ricerca, affidata alla creatività di Paul Harvey e Alessandro Pungetti, distribuita presso un network di 180 negozi al top, a cui vogliamo dare più visibilità. A tal fine abbiamo ampliato l'offerta con nuovi modelli».

 

Partita quattro anni fa con una proposta selezionata di capispalla timeless realizzati in un tessuto speciale a maglia giapponese tagliato, cucito e tinto in capo in Italia, Ten C amplia gli orizzonti con nuovi materiali come il nylon e il cotone, la maglina termosaldata senza cuciture o il tessuto camouflage in cotone/nylon con una leggera spalmatura.

 

Elemento caratterizzante della proposta sono gli interni, che si possono indossare anche separatamente e che sono realizzati in piuma d'oca, in shearling o addirittura in pelliccia. Una proposta per intenditori, che va in vendita a un range di prezzi dai 700 ai 1.100 euro per gli shell e dai 350 fino ai 2.000 per gli interni, con un giro di affari di due milioni e mezzo.

 

Capi in vendita presso negozi come Folli Follie, Excelsior e Ratti in Italia, Gentry a New York o Haven a Vancouver. Un network che ora si punta a espandere.

 

stats