Strategie

Antony Morato: con lo smart luxury cresce il junior

Evolve il junior di Antony Morato, con il 2016 che chiude a 7 milioni di euro rispetto ai 6,2 del 2015. Distribuite esclusivamente tramite il canale wholesale, le proposte in taglie piccole del brand mettono a fuoco il segmento di età dagli 8 ai 16 anni, con una proposta di capi a metà tra il low price e il luxury. E presto la collezione sarà in vendita anche online.

 

Lo anticipa a fashionmagazine.it Sauro Mariani, corporate marketing e retail director della label. «Dovremmo essere pronti tra la fine del primo semestre e l'inizio del secondo dell'anno in corso», rivela. Una chance in più per i clienti del brand e un modo per conquistare un pubblico più ampio, anche all'estero, dove Antony Morato Junior realizza il 50% del fatturato, con una presenza in Spagna, Olanda, Belgio, Francia, Germania e Russia.

 

A Pitti Bimbo il marchio era presente con la collezione dell'inverno 2017/2018: tante nuove proposte e i cavalli di battaglia di sempre, come le giacche destrutturate con taglio vivo, i piumini e la felperia. «Non si tratta delle tipiche felpe da bambino - chiarisce Mariani - ma di capi ideali per consumatori non ancora adulti e non più bambini, con grande ricerca a livello di tagli e senza le stampe che in genere caratterizzano il childrenswear».

 

«Del resto - prosegue - la nostra forza è proprio nel posizionamento: un target di età dove c'è spazio ancora per crescere, un livello di prezzi a metà tra il mass market e il luxury e un'offerta ricca, che spazia dalla linea Black per le occasioni alla Gold, per la quotidianità, fino alla Silver, ideale nei momenti del gioco».

 

stats