Strategie

Boccia (Confindustria): «L'impresa nasce per reagire, non per resistere»

L'Italia è il secondo Paese industriale d'Europa dopo la Germania, che però ha un costo del lavoro ridotto del 30% rispetto al nostro Paese. «Questa forbice dobbiamo ridurla», ha dichiarato il neopresidente di Confindustria Vincenzo Boccia all'assemblea di Smi.

 

All'incontro dei soci di Sistema Moda Italia, in agenda ieri (21 giugno) al Mudec di Milano, Boccia ha prospettato l'avvio di una stagione di grande confronto, «salario contro produttività, dentro un quadro di contrattazione».«Non so se i sindacati accetteranno - ha detto, intervistato da Giovanni Minoli - lo vedremo nei prossimi incontri».

 

Il capo di viale dell'Astronomia ha ricordato che le imprese italiane hanno costi per l'energia superiori del 30% rispetto alla media europea e una pressione fiscale maggiore di 20 punti percentuali. «Abbiamo il tessuto imprenditoriale più forte al mondo: sfido chiunque a fare i nostri risultati a queste condizioni».

 

Del resto «l'impresa nasce per reagire, non per resistere» ed è necessario essere «pessimisti nelle previsioni ma ottimisti nelle aspettative» e «avere una visione», non limitarsi a constatare.

 

Sul tema del credito, Boccia ha auspicato un rapporto con le banche diverso, dove si dovrebbe «valutare azienda per azienda». «La rappresentanza - ha precisato - deve aiutare chi è sotto la media».

 

In più il presidente degli industriali si è detto in favore del capitale di rischio. «Occorre pensare a strumenti di finanza più strategici del debito», ha affermato, citando le emissioni di bond, che attraggono investitori istituzionali, come pure il programma Elite di Borsa Italiana, nato per formare le Pmi eccellenti su temi quali la business administration e i mercati finanziari. «Il limite non è l'impresa familiare ma la cultura d'impresa», ha constatato Boccia.

 

Il presidente ha inoltre invitato a fare sistema e a «fare filiera» per crescere, nonché a realizzare filiere trasversali, all'interno dell'associazione.

 

stats