Strategie

Bottega Veneta punta ai due miliardi, grazie ad abbigliamento e accessori

Dopo aver chiuso il 2015 a 1,28 miliardi di euro (con un margine lordo di 413,8 milioni) Bottega Veneta si pone l’obiettivo di raggiungere quota due miliardi di euro, grazie al nuovo piano strategico messo in atto dall’a.d. Carlo Alberto Beretta. In primo piano abbigliamento, calzature e gioielli.

 

A 50 anni dalla fondazione di Bottega Veneta e dopo un anno trascorso alla guida della società, Carlo Alberto Beretta  fa il punto, in un’intervista a  CorrierEconomia, sui programmi futuri della maison, nota per le borse intrecciate “made in Veneto”.

 

«Le nostre radici sono nella pelletteria, e qui resterà il core business. Ma attorno a questo vogliamo consolidare una serie di altri prodotti», dice il manager, che scommette per la crescita su calzature  (al debutto questa primavera), gioielli fashion e soprattutto sull’abbigliamento, «fermo restando il posizionamento del lusso assoluto».

 

Il piano strategico, come tiene a precisare Beretta, «è scritto a quattro mani con Tomas Maier, che continuerà ad avere la direzione creativa di tutto». «D’altra parte - aggiunge - Bottega Veneta è strutturalmente legata alla visione di Tomas, che ha recuperato i valori fondanti del marchio: l’artigianalità, la qualità altissima dei materiali, lo stile senza tempo ma innovativo, la funzionalità, il made in Italy».

 

Conseguentemente all’introduzione di nuovi prodotti, è in atto anche una revisionedei monomarca, dato che erano stati costruiti per ospitare leather good. L’80% dei ricavi del brand è realizzato attraverso la distribuzione diretta, una percentuale che è previsto rimanga tale anche in futuro rispetto al wholesale.

 

Riguardo al 2016, Beretta ammette che le incognite sui mercati sono tante: l’attezione sarà rivolta più sulla clientela locale - italiani, francesi, tedeschi, spagnoli, inglesi, ma anche i cinesi in Cina - che non sui flussi turistici, soprattutto asiatici, trainanti nel 2015.

 

A livello di opening, è in programma l’apertura a maggio a Beverly Hills, Los Angeles, della seconda maison Bottega Veneta (dopo quella di Milano). Step successivo New York, nel 2017 (nella foto il finale della sfilata donna per il prossimo autunno-inverno).

 

 

 

stats