Strategie

Della Valle (Tod's) vede «enormi prospettive di aumentare i ricavi»

«L'impegno nel cambiare modello di business inizia a dare risultati che dovrebbero essere ancora più visibili dal prossimo anno». Lo anticipa in un'intervista Diego Della Valle, presidente e ceo del gruppo Tod's, che sta cambiando modello di business.

 

«Non sono un fanatico delle licenze, ma anche senza quelle, le prospettive di aumentare i ricavi sono enormi» ha dichiarato il patron di Tod's intervistato da Repubblica.

 

L'annuncio non vivacizza le contrattazioni del titolo in Borsa: poco prima delle 17 Tod's registra un -0,36% a 56,10 euro per azione, mentre l'indice Ftse Mib oscilla intorno alla parità.

 

La nuova strategia del gruppo, che prossimamente avrà un nuovo co-ceo al fianco di Della Valle (l'ex Bulgari Umberto Macchi di Cellere) prevede, tra i vari step, una più rapida rotazione dei prodotti in negozio (ogni due mesi) e la creazione di un polo logistico per lo sviluppo del business online.

 

«La consapevolezza di consumatori più attenti alle innovazioni e alla creatività e i nuovi canali di comunicazione e di vendita, indispensabili  per  catturare  il  loro  interesse,  sono  alcuni  dei  punti  chiave del  nostro  piano - ha detto Della Valle, in occasione della pubblicazione dei risultati a nove mesi -. Stiamo sviluppando e crescendo con rapidità nel web e nell’e-commerce e preparando i “negozi del futuro”, pronti  dialogare con tutti i nuovi canali distributivi. Tutto questo senza mai dimenticare di esaltare l’eccellenza, la qualità e lo stile che sono elementi insostituibili dei nostri prodotti».

 

«Abbiamo quattro marchi importanti con caratteristiche diverse (oltre a Tod's, Hogan, Reger Vivier e Fay) e con prodotti unici, che hanno tutti grandissime potenzialità di crescita sia per mercati che per categorie merceologiche», ha concluso l'imprenditore marchigiano.

 

Nei nove mesi il gruppo Tod's ha registrato un calo delle vendite del 4,7% a 722 milioni di euro.

 

stats