Strategie

Gap punta a crescere al di là del Nord America

L'insegna Gap (nella foto, alcune proposte per il childrenswear) è destinata a raggiungere 54 Paesi al di fuori del Nord America per la fine dell'anno, dai 47 del 2012 e dagli otto del 2007. I piani di espansione sono stati annunciati dal presidente e ceo Glenn Murphy al meeting annuale degli azionisti di ieri dove ha risposto anche sulla vicenda Bangladesh.

 

Il gruppo californiano in realtà si sta espandendo oltreconfine anche con le altre insegne: lo scorso anno Banana Republic ha raggiunto 24 nuovi mercati stranieri (dai tre del 2007), mentre Old Navy è passato da due a tre con l'approdo in Giappone. Come emerge da wwd.com, la strategia di crescita parte da un dato preciso: se Gap detiene il 3,9% delle quote del retail di abbigliamento in Nord America, un mercato da 300 miliardi di dollari, fuori dai confini nazionali ha soltanto lo 0,25% di un business che vale 1,1 trilioni di dollari.

 

L'innovazione e il digitale sono visti come i driver della crescita, all'interno e all'estero, del gruppo da 15,7 miliardi di dollari di ricavi (nel 2012, in aumento del 5% sul 2011). Focalizzato sull'American fashion, Gap oggi si presenta con un'offerta complementare che va dal livello "value" di Old Navy e degli outlet Gap e Banana Republic a quello "premium" di Gap, Banana Republic e Athleta fino al "luxury" di Piperlime e Intermix (quest'ultimo rilevato in gennaio per 130 milioni di dollari).

 

All'assemblea degli azionisti Murphy è stato interpellato anche sulla decisione di non partecipare all'accordo Fire and Building Safety in Bangladesh, cui invece hanno aderito competitor come Pvh e Abercrombie & Fitch. Il ceo ha fatto presente che non bisogna confondere la non-partecipazione con la non-preoccupazione, aggiungendo di non avere perso la speranza che si possa raggiungere un'intesa globale e che la società è d'accordo al 90% sul protocollo. Gap, che si avvale di 73 imprese del Bangladesh, ha fatto sapere che sta lavorando con i fautori europei dell'accordo per un agreement alternativo.

 

 

stats