Strategie

Godé (Lvmh) dice la sua sulla coltelleria Lorenzi e sul made in

"Lorenzi è un marchio che mi piace molto, ma non lo rileveremo": così Pierre Godé mette a tacere le voci di una possibile acquisizione da parte di Lvmh, di cui è vicepresidente. E spiega perché il recente ok dell'Europarlamento al made in è una misura rilevante.

 

Come emerge da un'intervista rilasciata da Godé a CorrierEconomia, Lvmh si concentrerà più che altro sullo sviluppo del potenziale ancora inespresso dei marchi in portafoglio, anziché sull'acquisizione di altri marchi italiani, come la coltelleria Lorenzi di via Montenapoleone, da più parti data come prossima preda.

 

A proposito dei marchi italiani, non c'è alcuna intenzione, da parte del gruppo del lusso, di spostare la produzione dall'Italia. Al contrario Lvmh punta a intensificare gli investimenti: strategia che vale per Berluti, che ora può contare su una nuova fabbrica a Ferrara, ma anche per Loro Piana, con cui si andranno a creare sinergie molto forti.

 

La provenienza è importante, secondo Godé, perché "se chiedi a un cliente cinese cosa è il lusso secondo lui, ti risponderà che è un prodotto di alta qualità pensato, disegnato e prodotto in Italia o in Francia". Non a caso il manager approva il recente via libera all'etichetta di origine, da parte del Parlamento europeo, che ha visto alleate Francia e Italia e che ha ottenuto il consenso anche di buona parte della Germania, tra i maggiori rappresentanti del fronte dei "no".

Il made in, che è stato inserito nel pacchetto Tajani-Borg sulla salute e la sicurezza dei prodotti, è previsto sia per i prodotti importati in Ue sia per quelli realizzati in Europa, per i quali si potrà scegliere se indicare la provenienza europea o del Paese esatto di origine. Mentre l'esame del regolamento in Consiglio prenderà il via il 25, in Italia è stato depositato un disegno di legge per introdurre l'etichetta, su base volontaria, Italian Quality. I senatori Fedeli, Mucchetti, Susta, e Pelino che hanno avuto l'iniziativa puntano a mantenere la produzione sul territorio e ad attrarre nuovi investimenti.

stats