Strategie

Il piano di "trasformazione" di Benetton: 450 esuberi, 280 nuovi assunti

Circa 450 i lavoratori in esubero, tra Italia ed estero, e 280 nuove assunzioni: è il piano di "trasformazione" del Gruppo Benetton comunicato dalle organizzazioni sindacali e confermato dall'azienda.

 

Secondo i media locali, qualche giorno prima dell'incontro tra le parti, avvenuto ieri, ci si attendeva una rimodulazione dell'organico di poco più di un centinaio di dipendenti. Invece i tagli solo tra Ponzano Veneto (sede della società, nella foto) e Castrette coinvolgono 228 impiegati. Tra gli esclusi dall'organico italiano vi sono un centinaio di addetti allo sviluppo prodotto mentre i rimanenti sono tecnici e parte del personale impiegatizio. La società ha anche fatto sapere che intende rescindere i contratti di fornitura in essere con 135 terzisti, in gran parte veneti. Per potenziare la rete retail, invece, il gruppo trevigiano quest'anno ha in programma 280 assunzioni nella Penisola.

 

"Per tornare a essere competitivi nel lungo termine ho avviato una profonda trasformazione che riguarda alcune funzioni operative del gruppo in tutto il mondo - spiega oggi l'a.d. Biagio Chiarolanza su Il Sole 24 Ore -. Si tratta di una trasformazione che non si poteva più rimandare e che ha come obiettivo quello di dare solidità al progetto di rilancio. Trasformare un'azienda per farla tornare a crescere comporta scelte difficili e a una forte assunzione di responsabilità". Il prossimo incontro tra azienda e sindacati, che dovrebbe portare alla firma di un accordo, è in agenda per il 19 del mese.

 

stats