Strategie

Kering pronto a distribuire ai soci il 70% delle azioni Puma

Confermando le ipotesi che circolavano già da tempo, Kering punta a uscire dal controllo del brand dello sportswear Puma «per rafforzare il suo status di protagonista nel segmento lusso e incrementarne la profittabilità». Il board proporrà la cessione ai soci del 70% delle azioni in portafoglio.

 

Dopo l'operazione, al gruppo che controlla il marchio Gucci resterà il 16% delle azioni Puma. Artémis (la holding di François-Henri Pinault, presidente e ceo di Kering), che controlla il 40,9% di Kering, intende restare un socio strategico di lungo periodo del brand tedesco con una quota del 29% (che lo rende anche il maggiore azionista singolo). Il flottante di Puma aumenterà al 55%.

 

Gli azionisti saranno chiamati a votare la proposta del cda al general meeting annuale del 26 aprile.

 

Gli investitori non sembrano approvare l'operazione, alternativa alla vendita a un offerente, che avrebbe previsto un premio. Alla Borsa di Francoforte, intorno alle 16 il titolo Puma registra un calo del 6,8% a 315 euro (Pinault aveva comprato le azioni nel 2007 a 330 euro). A Parigi il titolo Kering accusa un -4,4% a 404 euro.

 

Come riporta Bloomberg, il chief financial officer di Kering, Jean-Marc Duplaix, ha dichiarato che la parte rimanente del business del lifestyle, riconducibile al brand californiano Volcom, sarà ceduta "al momento opportuno".

 

stats