Strategie

L'Australia nel mirino di Furla: rilevato il 100% del network distributivo

Forte dell'exploit nel 2016 (+95%), Furla mette il turbo in Australia e aquisisce il controllo della distribuzione dal partner Luxury Retail Group. Nuove aperture in vista e un obiettivo importante: arrivare a realizzare il 5% del giro di affari nell'area entro il 2017.

 

Approdata in Australia nel 2013 con uno store presso il Westfield Sydney, Furla è presente oggi con 15 punti vendita nei principali centri come Melbourne, Sydney, Brisbane e Gold Coast, cui si aggiunge il business online.

 

Con l'acquisizione del 100% del network distributivo, l'azienda italiana punta a rafforzare ulteriormente la sua presenza in Australia e Nuova Zelanda. L'obiettivo per il 2017 è aprire cinque negozi a partire da Auckland in Nuova Zelanda, e ampliare la superficie dello spazio di Westfield Sydney.

 

Nel guardare avanti, Furla non rinnega l'importanza del sodalizio con Luxury Retail Group: «È stato un partner strategico, per questo i due direttori di LRG faranno parte del consiglio di amministrazione della filiale australiana», rivela Alberto Camerlengo, a.d. del gruppo.

 

E annuncia: «Nel 2017 ci aspettiamo che il business australiano rappresenti il 5% del nostro giro di affari globale. L'obiettivo è rafforzare ulteriormente la rete distributiva in questo mercato, forti del successo della strategia retail di Furla e dei feedback molto positivi ricevuti dai clienti di questo territorio».

 

«Dopo aver registrato una crescita del 95% nel 2016, l'integrazione verticale di Furla Australia consentirà al marchio di essere pronto ad affrontare una nuova fase di crescita», è il commento di Nelson Mair, a.d. di LRG.

 

stats