Strategie

Ok dei soci al bilancio di Tod's. Della Valle: «Investite in Centro Italia»

L’assemblea degli azionisti di Tod's ha approvato il bilancio del 2016, chiuso con un utile netto di 86,3 milioni di euro (da 92,7 milioni), di cui l'1% sarà destinato a progetti di solidarietà. «Gli imprenditori dovrebbero investire nei territori colpiti dal terremoto», ha detto il presidente Diego Della Valle.

 

Come riportano agenzie e media locali, secondo l'imprenditore marchigiano «fare delle fabbriche significa che quelle aree non muoiono».

 

«Sarebbe molto interessante - ha affermato - avere lì 10-15 stabilimenti: significherebbe risolvere il problema occupazionale. La Tod’s ha investito ad Arquata del Tronto (Ap) e ora vedremo per le altre zone cosa si può fare. Parliamo con Vasco Errani: è la persona giusta al posto giusto».

 

Della Valle ha anche comunicato che i lavori per la realizzazione del nuovo opificio di Arquata, distrutta dal terremoto dello scorso 24 agosto, sono iniziati da paio di giorni e dovrebbero concludersi per la fine del 2017.

 

Quanto al gruppo, che controlla i marchi Tod's, Fay, Hogan e Roger Vivier, entro uno o due anni si attendono gli effetti positivi derivanti dal potenziamento dell'online e dal rinnovamento della distribuzione.

 

«Non ci saranno più grandi investimenti in nuovi store - ha anticipato Della Valle - salvo un paio di capitali, dove non possiamo mancare. Punteremo soprattutto sui rifacimenti, che dovranno differenziare i punti vendita: chi va in via della Spiga, a Milano, non deve trovare lo stesso negozio di Parigi. Ci saranno appuntamenti per attrarre i clienti tradizionali e i nuovi».

 

«Prima - ha aggiunto - eravamo abituati a una tempistica semestrale, ma penso che diventerà bimestrale». Per questo il gruppo sta lavorando sulle nuove tecnologie della rete e l'integrazione fra offline e online.

 

stats