Strategie

Paul Marciano: "2.250 vetrine Guess nel mondo entro il 2017"

Orizzonti ancora in crescita per Guess. Che continua a investire nell'apertura di nuovi mercati e nel consolidamento di quelli già esistenti. Prossimamente importanti inangurazioni in Cina, Brasile, India, Messico. E tanti progetti in Europa.

 

"Il nostro obiettivo - racconta il direttore creativo di Guess, Paul Marciano - è raggiungere un totale di 2.250 punti vendita a livello globale entro il 2017 (rispetto agli attuali 1.626, di cui 811 gestiti direttamente e i restanti in affiliazione), tre quarti dei quali saranno in Europa, Est Europa e Medio Oriente, dove abbiamo attualmente 610 store, destinati a divenire 900 entro breve". In Asia l'intento è di portare le door da 450 a 650, concentrandosi in particolare sulla Corea del Sud e la Cina, dove saranno inaugurate circa 40 boutique, in aggiunta alle 161 attualmente operative (comprendenti i monomarca e le affiliazioni). Un altro Paese in forte evoluzione è l'India, dove è stato appena avviato un nuovo flagship a Mumbai con il partner locale. Nel Brasile invece si partirà dalla seconda metà del 2013 e anche in Messico sono on schedule delle aperture.

 

"Lo scorso ottobre - aggiunge Marciano - abbiamo rinnovato e rilanciato a livello globale il nostro sito web ed esteso l’e-commerce in Repubblica Ceca, Grecia e, a partire da gennaio, anche Malta, Cipro, Slovacchia e Lettonia raggiungendo così una copertura mondiale di 27 nazioni europee, in aggiunta alla consolidata presenza in Stati Uniti, Canada, Corea e Australia". E se gli Usa e il Canada sono mercati stabili, in Europa sono stati messi a segno dei risultati soddisfacenti, nonostante le difficili condizioni economiche in Italia e Francia, zone tradizionalmente importanti per la label. Le aree dove il marchio è cresciuto sono soprattutto l’Europa dell’Est e del Nord, con buoni risultati in Russia e Germania.

 

L'Europa dell'Est continuerà a rappresentare un grande potenziale. In particolare, in Polonia è stato aperto il primo store di proprietà, a Varsavia, lo scorso 6 dicembre e saranno avviati otto negozi quest'anno, in aggiunta ai 12 in partnership già presenti e alla distribuzione capillare in numerosi plurimarca di alto livello. "In Russia - conclude lo stilista-imprenditore - abbiamo l'obiettivo di raggiungere un totale di 43 vetrine entro il gennaio 2014. Inoltre intensificheremo lo sviluppo retail in Romania, Bulgaria, Olanda, Svezia, Turchia e, soprattutto, Germania, dove abbiamo avviato un flagship a Monaco a ottobre dello scorso anno. L'evoluzione nel mercato tedesco e in Austria continuerà nei prossimi mesi, con otto nuovi punti vendita nelle principali città e centri commerciali, fra cui Amburgo, Colonia, Berlino, Düsseldorf e Vienna, con l’intento di raggiungere quota 27 vetrine entro la fine del 2013".

 

 

stats