Strategie

Peuterey scende in strada a Firenze con Luisaviaroma

Francesca Lusini, presidente del gruppo Peuterey (nella foto), dà appuntamento a Firenze, nei giorni di Pitti Uomo, per un grande evento a cielo aperto, in tandem con Luisaviaroma: «Una settimana per presentare una special capsule, in vendita con la formula del see now-buy now». Ad aprile il bis al Salone del Mobile.

 

Il focus della capsule (tre giacche da uomo e tre da donna) è sul ritorno alle origini, inteso come recupero della filosofia di partenza della label, nata nel 1996 con l'obiettivo di unire l'eleganza con la funzionalità. «Il tutto reinterpretato alla luce delle esigenze del consumatore moderno».

 

Linee guida del direttore creativo Federico Curradi, che ora sigla l'intera collezione, sono la leggerezza, esigenza imprescindibile del consumatore moderno, unita alla tecnicità del capo, per vivere gli scenari urban a proprio agio.

 

L'appuntamento è da Luisaviaroma l'11 gennaio, per fare da cassa di risonanza all'iniziativa, che proseguirà nei giorni seguenti in diverse zone del capoluogo fiorentino, con l'obiettivo di rivolgere sempre più attenzione al trade e di coinvolgere direttamente il consumatore.

 

Un presupposto da cui nasce anche l'altro progetto on schedule per il prossimo aprile, durante il Salone del Mobile, durante il quale sarà presentata una nuova capsule in collaborazione con un marchio lifestyle per ora top secret. Anche in questo caso secondo le logiche del see now-buy now.

 

Il gruppo toscano si avvia a tagliare il traguardo del fiscal year, che si chiude il 31 marzo 2017, con un giro di affari di 75 milioni di euro, in crescita rispetto ai 70 dell'esercizio precedente e con una quota export del 30%.

 

«Al momento il nostro mercato principale è l'Europa - chiarisce Lusini - con la Germania in pole position, seguita da Austria, Svizzera e Benelux. Ma la grande sfida è fuori dal Vecchio Continente. Abbiamo aperto filiali in Cina e Stati Uniti, perché vogliamo esser presenti in prima persona sul territorio».

 

Negli Stati Uniti, dove la collezione è venduta presso realtà come Neiman Marcus, Bloomingdale's e Saks Fifth Avenue, Francesca Lusini ha in programma di aprire un negozio a New York entro la fine del 2017, massimo agli inizi del 2018. Una vetrina che si aggiungerà alle 22 già operative a oggi.

 

A dare sempre più manforte alle vendite c'è l'e-commerce del brand. «Una piccola percentuale, per il momento, che cresce triple digit, al 140% - sottolinea Lusini -. Ci siamo affidati a due piattaforme diverse per Europa e Usa da una parte e Cina dall'altra. Un investimento importante ma imprescindibile, perché il digital non è più il futuro ma è già il presente».

 

stats