Strategie

Raddoppio del turnover e crescita oltreconfine: gli obiettivi di NeroGiardini

Il piano strategico di NeroGiardini è ambizioso: l'azienda marchigiana specializzata nella produzione di calzature punta al raddoppio del giro di affari entro il 2018 e a espandere gli orizzonti nei mercati stranieri. Previste nuove aperture in italia e all'estero.

 

Forte di un turnover di 192 milioni di euro nel 2013, il calzaturificio punta ad arrivare a quota 500 milioni nell'arco del prossimo quadriennio. Strategiche in tal senso saranno le politiche di internazionalizzazione. «Dal 2012 - spiega l'amministratore unico Enrico Bracalente - abbiamo iniziato a puntare sull’internazionalizzazione e oggi il 10% del nostro fatturato deriva da Paesi quali Spagna, Belgio e Russia. Grazie a nuove alleanze commerciali con retailer importanti, inoltre, abbiamo cominciato ad attuare una politica di espansione in Cina, Medio Oriente e Far East».

 

 

In Italia l'obiettivo è raggiungere 100 punti vendita monomarca di proprietà, 50 in franchising, 300 shop-in-shop e circa 1.000 clienti multimarca. Al momento l’azienda è attiva con 28 vetrine di proprietà, 30 in franchising e 55 shop-in-shop. Le prossime inaugurazioni sul territorio nazionale sono previste entro la prima parte dell'anno a Firenze, L'Aquila, Marcianise (Caserta) e Marghera.

 

 

L’aumento della rete retail comporterà un incremento delle risorse umane coinvolte. Per questo NeroGiardini ha incluso 200 nuove assunzioni nel proprio piano di espansione, che coinvolgeranno giovani dai 25 ai 35 anni, da formare nel negozio-pilota realizzato nella sede di Monte San Pietrangeli, in provincia di Fermo.

 

stats