Strategie

Safilo: accordo con Dr. Mazen Fakeeh per l'Arabia Saudita

A breve distanza dall'intesa con Maxivision per l'ingresso in Iran, Safilo scommette sull'Arabia Saudita: ha raggiunto un accordo con Dr. Mazen Fakeeh C. Healthcare Company, che parte da metà giugno 2017, per la distribuzione esclusiva nell'area.

 

Il gruppo dell'occhialeria di Padova annuncia inoltre il rinnovo della partnership, nata oltre 25 anni fa, con Optitalia Gulf per la distribuzione negli altri Paesi del Gulf Cooperation Council.

 

Gli accordi si concretizzano in primis con l'apertura di due nuove showroom, una a Jeddah e l'altra a Riyadh, che presentano le cinque declinazioni di eyewear di Safilo: l’Atelier extra lusso (Elie Saab), il Fashion Luxury (Dior, Fendi, Jimmy Choo, Givenchy, Céline), il Premium (Boss e Max Mara), il Lifestyle (Carrera, Marc Jacobs, Kate Spade, Juicy Couture, Fossil, Pierre Cardin, Bobbi Brown) e il segmento in crescita Mass Cool (Polaroid e Havaianas).

 

«L'esperienza di Dr. Mazen Fakeeh C. Healthcare Company nell’healthcare e nell’eyewear, coniugata a una rete locale di nuova creazione - commenta Luisa Delgado, ceo di Safilo - garantiscono a Safilo un presidio importante del mercato, coadiuvato da risorse e know-how di brand. Con una popolazione di oltre 30 milioni di abitanti, l’Arabia Saudita rappresenta un mercato significativo per Safilo nel contesto della regione Imea (India, Medio Oriente e Africa)».

 

Il rinnovo della partnership con Optitalia rappresenta invece un ulteriore passo avanti, con focus sui marchi Carrera (nella foto, un modello indossato da Jared Leto), Polaroid e Safilo e l'ampliamento dell’offerta di occhiali da vista attraverso tutti marchi in portafoglio.

 

Nel 2016 Safilo ha totalizzato 1,3 miliardi di ricavi, in calo del 2% sul 2015 (-1,2% a cambi costanti) ma ha registrato risultati «eccezionalmente positivi nella regione Imea, con una crescita a doppia cifra per il secondo anno consecutivo».

 

stats