Strategie

Timberland celebra 40 anni e rilancia sull'abbigliamento

Il marchio Timberland festeggia i suoi primi 40 anni (e quelli del suo prodotto icona lo "yellow boot") con una serie di eventi che si concentreranno nella seconda parte dell'anno e con 34 nuove aperture solo in Europa. Di queste ben 12 si concentreranno in Italia.

 

Ad anticipare le nuove iniziative del brand a stelle e strisce, nato nel 1973 a Stratham nel New Hampshire e dal 2011 passato sotto il controllo del colosso Usa VF Corporation, è Marco Messini, vice presidente wholesale Europa: "Per noi si tratta di un anniversario molto importate - racconta a fashionmagazine.it - perché riguarda non solo la nascita dell'azienda, ma anche il nostro prodotto di punta, il  yellow boot, che sarà protagonista di un'edizione celebrativa a tiratura limitata e di un'intensa attività di comunicazione che partirà ad agosto".

 

Ma il compleanno dello scarponcino giallo in suede non è l'unica novità per Timberland, che nell'anno in corso ha pianificato un'intensa attività retail nel Vecchio Continente, dove sono già attivi 298 store, di cui 244 sono in franchising. "Nel 2013 - aggiunge Messini - sono previsti 30 nuovi store con partner e quattro opening diretti. Per noi l'Europa resta centrale e, anche se il mercato non crescerà in maniera sbalorditiva, nei prossimi cinque anni prevediamo un rimbalzo delle vendite. Il nostro focus sarà su Germania e Francia".Nonostante il quadro economico poco incoraggiante, l'attenzione di Timberland sarà concentrata anche sull'Italia, dove nei prossimi mesi sono pianificate una decina di inaugurazioni.

 

Tra le novità del marchio, specie dopo l'ingresso di VF, spicca il potenziamento del business dell'abbigliamento, che oggi è legato in larga parte al giro d'affari europeo del marchio. "Ci aspettiamo che dalle prossime stagioni l'apparel conquisti più share - ha rivelato il manager - sfruttando le sinergie con VF, in grado di migliorare la nostra supply chain". E conclude: "Vogliamo far diventare Timberland un  marchio total look: per questo ci sarà un grosso lavoro sul team creativo che disegna le collezione, che ha base a Londra, e che è al centro di una politica di investimento più forte che in passato".

 

 

stats