Strategie

Un giorno, forse, tutta Moncler lavorerà su base mensile

«Penso e spero che, se tutto andrà bene, lavoreremo su base mensile per tutte le collezioni»: questo il piano di Remo Ruffini, presidente e maggiore azionista di Moncler, dopo il lancio, lo scorso febbraio, del progetto Moncler Genius (nella foto).

 

«Se vai in un negozio in luglio trovi un concept e se torni in settembre ne vedi un altro completamente diverso, creato in quel preciso momento» ha spiegato Ruffini in un'intervista a Reuters.

 

In febbraio il progetto Genius ha esordito con otto collezioni per il prossimo inverno disegnate da altrettanti creativi, scelti per incontrare i gusti di consumatori diversi. Il debutto commerciale sarà con la linea curata da Fragment Hiroshi Fujiwara, protagonista di un evento nel corso del prossimo Pitti Uomo.

 

Una alla volta, nei mesi successivi, arriveranno anche le altre sette che hanno coinvolto Pierpaolo Piccioli (direttore artistico di Valentino), Karl Templer (direttore creativo di Interview Magazine), Sandro Mandrino (ex designer in Gucci e Prada), Simone Rocha (stilista irlandese), Craig Green (designer londinese che sarà Menswear Guest di Pitti Uomo 94), Kei Ninomiya (ex designer di Comme des Garçons e fondatore del brand Noir Kei Ninomiya) e Francesco Ragazzi (fondatore del marchio Palm Angels).

 

Il progetto è una vera e propria sfida che comporta investimenti in tecnologie, e logistica, compreso un nuovo impianto a Piacenza. «Un cambio culturale in azienda, dalla logistica alla produzione» ha detto Ruffini, aggiungendo che gran parte della produzione resterà in outsurcing, così da poter aumentare o ridurre la produzione a seconda delle necessità: «La flessibilità è particolarmente importante, se pensi su base mensile».

 

Le aspettative su Genius sono di vendite contenute, ma maggiori di Gamme Bleu e Gamme Rouge, le linee di alta gamma che l'imprenditore ha sostituito. «Non è una questione di ricavi - ha precisato - ma di dare energia al brand». Energia che Ruffini si augura possa attrarre i Millennials, ma anche «le signore con la borsa di Hermès».

 

Nelle stime degli analisti riportate da Reuters, Genius dovrebbe arrivare a rappresentare meno del 10% dei ricavi totali di Moncler (1,2 miliardi di euro nel 2017, +17% a cambi costanti).

 

e.f.
stats