Strategie

Uniqlo apre a Berlino e Parigi. In lizza anche l'Italia

La catena giapponese Uniqlo punta all'Europa. Venerdì 11 aprile ha inaugurato il suo primo store tedesco a Berlino e presto aprirà a Parigi, nel Marais. Mentre si torna a parlare dell'Italia, tra le altre tappe, le vendite estere annuali sono previste in aumento del 59%.

 

Con i suoi 2.700 metri quadrati di superficie, lo spazio berlinese di Tauentzienstraße è attualmente il maggiore negozio europeo di Uniqlo, che è presente anche in Regno Unito e in Francia. Disposto su tre piani, contiene tutte le linee del marchio: uomo, donna e bimbo. Il 25 aprile l'insegna, che ha già all'attivo quattro punti vendita nell'area parigina, approderà nel Marais. La location, di 820metri quadrati, è l'antica fabbrica della Société des Cendres, risalente alla metà dell'Ottocento. In base a quanto dichiarato a fashionmag.com Berndt Hauptkorn, ceo di Uniqlo Europa, nella mappa delle prossime tappe del brand ci sono anche Milano e Barcellona.

 

Nei primi sei mesi dell'esercizio fiscale terminato a fine febbraio Uniqlo ha totalizzato 405,5 miliardi di yen (circa 2,9 miliardi di euro) di ricavi in Giappone (+4,7%) e altri 232 miliardi all'estero (+77,6%). Per la chiusura del bilancio (agosto 2014), il management stima che le vendite in madrepatria raggiungeranno i 715 miliardi di yen (+4,6% su base annuale), a fronte di un vero e proprio exploit di quelle oltreconfine (400 miliardi, +59%). In chiusura di bilancio i negozi all'estero dovrebbero passare da 186 a 632.

 

Uniqlo fa parte del Gruppo Fast Retailing, insieme a marchi come Comptoir des Cotonniers, Helmut Lang, J Brand, Princesse tam.tam e theory. Il fatturato consolidato nei primi sei mesi ha totalizzato 764,3 miliardi di yen (+24%) ed è previsto salire a 1.370 miliardi (+19,9%) per fine agosto.

 

stats