Strategie

Vf Corporation punta sull'Asia-Pacifico

A un recente investor meeting tenutosi in Cina, a Shanghai, Vf Corporation ha illustrato il piano strategico a cinque anni sui mercati esteri. Per il 2017 il target dei ricavi in Asia-Pacifico è di 1,1 miliardi di dollari. L'intero business estero dovrebbe così salire a 2 miliardi.

 

Se entro quest'anno il peso delle esportazioni è stimato pari al 37% dei ricavi totali, tra cinque anni la quota dovrebbe salire al 45% - nelle stime di Karl Heinz Salzburger, group president di Vf International - grazie all'acquisizione di Timberland e all'accelerazione continua non solo a Oriente ma anche in Europa.

 

Per il 2017 la Cina, che oggi vale la metà del fatturato messo a segno in Asia-Pacifico, è destinata a salire al 60%, con un'espansione delle vendite ipotizzata del 21% annuale, trainata dall'ampliamento del network retail, che porterà i punti vendita da 2.300 a quota 6mila. L'India dovrebbe accelerare a un ritmo del 21% annuo, che scende all'8% per il Giappone. È la Corea però il Paese da cui Vf si aspetta un'impennata e dove, guarda caso, sta per aprire una nuova sussidiaria: +45% il tasso annuale stimato.

 

Quanto alle performance nell'area dei brand in portafoglio, il gruppo americano prevede un +13% di Timberland, un +12% di Lee, un +26% di The North Face, un +22% di Vans e un +18% di Keepling.

 

stats