Strategie

Woolrich: una quota di minoranza a Goldwin Inc. per rilanciare l'outdoor

Woolrich fa un passo avanti verso una dimensione sempre più internazionale e vende una quota di minoranza a Goldwin Inc., azienda di Tokyo specialista nello sportswear tecnico. Gli obiettivi sono il rilancio della collezione outdoor e l'unificazione di tutte le linee del brand in un unico marchio, per dialogare con il mercato globale.

 

Come riporta wwd.com Goldwin Inc., che in seguito al deal avrebbe sottoscritto anche un aumento di capitale riservato, si occuperà di creare una collezione outdoor premium a marchio Woolrich, che fonderà contenuti tecnologici con un design moderno e con un occhio alla sostenibilità. Una proposta rivolta ai dettaglianti del settore outdoor in Nord America, Europa e Asia, al debutto con la linea maschile dalla fall 2018.

 

Una scelta non casuale, quella di Goldwin Inc., public company nata nel 1950, specializzata in abbigliamento outdoor con marchio proprio e per realtà come The North Face, Ellesse, Speedo.

 

La notizia dell'accordo segue il big merger del novembre dello scorso anno, che ha visto Cristina Calori, presidente e a.d. di Wp Lavori in Corso e di Woolrich Europe acquisire la maggioranza dell'azienda storica americana, la Woolrich Inc., con cui si è fusa dando vita alla newco Woolrich International, di cui è presidente.

 

Una fusione che vede ancora presente nella compagine i discendenti dei fondatori, con una quota di minoranza. Il coronamento di un sogno accarezzato da tempo da Calori, che dal 1984 è partner della label, di cui è stata inizialmente distributore per poi diventare licenziataria dapprima in Italia e poi in Europa e in Asia.

 

L'obiettivo del merger è stato dare slancio a livello internazionale all'etichetta, che nell'anno fiscale ha raggiunto un turnover di 190 milioni di dollari, con la previsione di una crescita annuale del 12% dal 2017 al 2020, per arrivare al traguardo dei 300 milioni di dollari.

 

Tra i punti salienti della strategia rientra proprio il rilancio della linea outdoor venduta negli Stati Uniti, che al momento non performa bene, e che sarà sostituita dalla collezione affidata a Goldwin Inc.

 

Oggi il marchio Woolrich fa da ombrello a tre diverse realtà: la linea contemporary Woolrich John Rich & Bros, molto ben distribuita e apprezzata in Europa ma poco conosciuta negli Stati Uniti; l'outdoor, attualmente diffuso negli Stati Uniti ma poco performante e con un posizionamento non consono agli obiettivi del gruppo; le coperte in lana, prodotte nell'antico mill fondato in Pennsylvania nel 1830.

 

L'intento è fondere le tre anime in un'unica entità, la Woolrich, per dialogare con un mercato gobale senza generare confusione. Un passaggio importante, che sarà sostenuto da un progetto di apertura di store nelle più importanti città del mondo, dove saranno vendute tutte e tre le collezioni. A partire dal flagship pilota di Milano, in corso Venezia (700 metri quadri di lifestyle con contenuti emozionali) per proseguire con New York, seconda tappa, e poi ancora Boston, Toronto, Londra, Parigi e Tokyo.

 

stats