TRIMESTRALI

Amazon alla riscossa: boom di utili e vendite, vola a Wall Street

Oltre le attese degli analisti, Amazon ha messo a segno una trimestrale col botto, con utili pari a 92 milioni di dollari, contro una perdita di 126 milioni nello stesso periodo di un anno fa, e vendite oltre i 23 miliardi, sui precedenti 19,3 miliardi.

 

A Wall Street il titolo ha guadagnato fino al +20% nelle contrattazioni after hours, per un valore delle azioni oltre i 560 dollari, superando il precedente record di 493 dollari.

 

L'utile operativo si è attestato sui 464 milioni di dollari, dalla passata perdita operativa di 15 milioni. Entusiasta Jeff Bezos, fondatore (nel 1994) e ceo dell'e-tailer, che nel recente passato si era trovato in difficoltà anche perché non aveva lesinato sugli investimenti.

 

«I nostri team - dice - hanno lavorato sodo per venire incontro alla clientela». Tra gli asset lanciati da Bezos spiccano il marketplace B2B Amazon Business, la filiale Amazon Mexico e la formula Prime Day per consegne ultraveloci, integrata dal servizio Prime Now City, disponibile per ora in nove città internazionali.

 

Senza contare Amazon Echo, un device a forma di cilindro, che cela al proprio interno la "personal assistant" virtuale Alexa, in grado di fornire dati e informazioni, ma anche di avviare la riproduzione di una canzone, impostare la sveglia, sapere che tempo farà, dare risposte alle più disparate domande, stile Wikipedia.

 

Un fiore all'occhiello è Amazon Web Services, la divisione cloud computing e hosting, che nel 2016 aprirà una succursale in India, uno dei Paesi su cui l'azienda sta spingendo di più.

 

Esistono anche aspetti meno noti dell'attività di questa società: dalla produzione, tramite Amazon Studios, della web series Transparent - che ha ricevuto 11 nomination agli Emmy Awards -, all'impegno sul fronte delle energie rinnovabili, con l'obiettivo di superare nel 2016 il traguardo del 40% di energia ricavato da queste fonti.

 

Da notare, come si legge sui media, che nel luglio 2010 la capitalizzazione di mercato di Amazon era poco più di un terzo rispetto a quella del gigante della distribuzione Wal-Mart. Ma in cinque anni l'e-tailer ha quintuplicato il proprio peso a Wall Street, con più di 260 miliardi di dollari contro i 253 miliardi di Wal-Mart (nella foto, Jeff Bezos).

 

stats