TRIMESTRALI

Hermès: ricavi in aumento del 7,9%, trainati da Giappone ed Europa

Sono stati soprattutto i mercati giapponese ed europeo a trainare il business di Hermès International nel terzo trimestre: i ricavi si sono attestati a 1,14 miliardi di euro, in crescita del 7,9% a cambi costanti (+15,4% a cambi correnti).

 

Il fatturato realizzato nel Vecchio Continente, pari a 396 milioni di euro, ha messo a segno un +14,8%, con la Francia in rialzo dell'11,5%. In Asia il turnover è passato da 457 a 526 milioni, con un incremento del 5,5%. In particolare, il Paese del Sol Levante ha messo a segno un +16,6%, portandosi da 120 a 143 milioni.

 

Il continente americano ha dato meno soddisfazioni, fermandosi a un +2%, pari a 205 milioni di euro.

 

A livello merceologico, pelletteria e selleria hanno totalizzato 533 milioni di euro (+8,6%), mentre il ready-to-wear e gli accessori fashion sono progrediti dell'11,9%, superando i 280 milioni. Ottima performance anche per i profumi, con vendite intorno ai 64 milioni di euro, in aumento del 10,7%.

 

Seta e tessili registrano un giro d'affari di 108 milioni di euro (-0,5%). In contrazione del 5,2% gli orologi, con un fatturato di 37 milioni di euro.

 

I dati sui nove mesi evidenziano vendite per 3,44 miliardi di euro (+8,5%), di cui 1,6 miliardi realizzati con articoli di pelletteria e selleria (+11,9%) e 816 con il prêt-à-porter e gli accessori moda (+9,4%).

 

Da segnalare alcuni eventi che hanno inciso sull'andamento sia del quarter, sia dei nove mesi, a partire dall'apertura nel settembre 2014 di una Maison Hermès a Shanghai - che ha contribuito ad alimentare il business in Estremo Oriente, salito nel gennaio-settembre da 1,34 a 1,64 miliardi di euro -, per arrivare al potenziamento della capacità produttiva degli impianti di Isère e Charente per quanto riguarda la pelletteria e la selleria.

 

A Hérincourt, tra l'altro, è stato avviato un laboratorio e sono in atto investimenti per aprirne un secondo.

 

Come preventivato, l'obiettivo a medio termine della maison per il 2015 è incrementare le vendite dell'8%. Per il fiscal year il management stima una riduzione della profittabilità operativa, che nel 2014 era del 31,5%, a causa dell'impatto delle fluttuazioni valutarie (nella foto, la primavera-estate 2016 di Hermès).

 

stats