Trimestrali

Abercrombie & Fitch torna a crescere grazie a Hollister

Il fatturato di Abercrombie & Fitch a periodi comparabili è salito del 4%, dopo il -1% del trimestre precedente e il -3% del primo quarter fiscale. Decisivo il contributo del marchio Hollister (+8%), mentre Abercrombie accenna a stabilizzarsi.

 

Nei tre mesi il brand ammiraglio (nella foto, il prototipo del nuovo concept, di dimensioni inferiori rispetto al passato, che punta a una migliore shopping experience) ha subito un -2% delle vendite, che comunque denota un progressivo miglioramento rispetto ai trimestri precedenti (-10% il primo e -7% il secondo).

 

I ricavi dei tre mesi terminati il 28 ottobre sono aumentati del 5% a valori correnti, raggiungendo gli 859 milioni di dollari. Le vendite direct-to-consumer, che comprendono lo shopping online, hanno rappresentato il 24% del turnover totale, dal precedente 23%.

 

Il retailer americano ha inoltre  totalizzato 20.51 milioni di dollari di profitti netti trimestrali (dagli 1,40 milioni di un anno prima), che corrispondono a 0,30 dollari per azione, mentre la media degli analisti aveva previsto 0,22 dollari per azione.

 

Nei nove mesi le vendite sono passate da 2,29 a circa 2,3 miliardi di dollari mentre la perdita è aumentata da 45 a 67 milioni di dollari.  

 

Per l'utlimo trimestre dell'esercizio il gruppo guidato da Fran Horowitz stima una crescita delle vendite comparabili entro il 5%.

 

stats