Trimestrali

BasicNet: fatturato stabile con il rallentamento di Asia ed Europa

BasicNet ha archiviato il primo trimestre del 2016 con un fatturato consolidato (somma di royalties attive, commissioni di sourcing e ricavi realizzati dalla licenziataria italiana BasicItalia) pari a 51,42 milioni di euro a cambi correnti, in linea con i 51,49 milioni dello stesso periodo del 2015.

 

Le vendite aggregate delle collezioni dei marchi in portafoglio (Kappa, Robe di Kappa, Superga, K-Way, Lanzera, AnziBesson, Jesus Jeans e Sabelt) generate dal network di licenziatari commerciali e produttivi ammontano in totale a 189 milioni di euro (194 milioni a cambi costanti), in lieve calo dai 201 milioni al 31 marzo 2015.

 

La trimestrale risente, come spiegano dall'azienda torinese, del rallentamento dei mercati asiatici e di alcuni Paesi europei, nonché della svalutazione di alcune monete. Il mercato americano ha invece registrato un +8,8% e quello italiano un +2%.

 

BasicNet sta proseguito lo sviluppo del canale retail, con nuove aperture da parte dei licenziatari di negozi monomarca K-Way (in particolare in Francia, a Toulouse e a Santiago del Cile) e Superga (in Sudafrica e questo mese di maggio a Milano, in corso Vittorio Emanuele).

 

Alla fine del trimestre i negozi monomarca e gli shop in shop a marchio Kappa e Robe di Kappa aperti dai licenziatari erano pari a 667 (di cui 116 in Italia), quelli dedicati a Superga erano 171 (74 in Italia) e i negozi K-Way (nella foto, una felpa autunno-inverno 2016/2017) erano 35 (24 in Italia).

 

Nel corso del mese di marzo, BasicNet ha concluso un accordo con Briko per la distribuzione in esclusiva mondiale del marchio italiano che realizza caschi, occhiali e abbigliamento per lo sci e il ciclismo.

 

 

stats