Trimestrali

Eurazeo: Desigual in calo, Farfetch in corsa, Vestiaire Collective stabile

Nei primi nove mesi del 2017 Desigual accusa un calo delle vendite del 10,6% a 603,8 milioni di euro, legato soprattutto all'Europa (89% dei ricavi totali). Lo si rileva dal bilancio trimestrale di Eurazeo, realtà francese d'investimenti, socia anche di Moncler, Farfetch e Vestiaire Collective.

 

Il brand spagnolo, che da settembre ha un nuovo direttore artistico, Jean-Paul Goude - un nome che non ha bisogno di presentazioni e che tra le tante collaborazioni annovera quella con Grace Jones - vanta performance positive in America Latina, che tuttavia rappresenta solo il 2% del giro d'affari totale. Goude è entrato in carica con la collezione Spring-Summer 2018, presentata a New York (nella foto). 

 

Il terzo trimestre, in particolare, mostra un peggioramento per Desigual: -12% i ricavi, dopo il -9,6% del primo semestre, che riflette un calo degli ordini nel canale multimarca. L'andamento nei negozi diretti resta invece stabile rispetto ai primi sei mesi del 2017.

 

Di recente Eurazeo ha venduto parte delle sue quote in Moncler, intascando 188 milioni di euro netti (6,7 volte il suo investimento). In portafoglio gli resta una quota pari al 4,79% del brand dei piumini di lusso.

 

Delle sei società di Eurazeo Croissance fanno parte anche due "start-up" che hanno spiccato il volo, come Farfetch e Vestiaire Collective. Il marketplace fondato da José Neves mantiene una crescita «a ritmo molto sostenuto». Si prospetta un suo rafforzamento in Cina, grazie alla partnership con JD.com.

 

Per quanto riguarda l'e-tailer di moda di seconda mano Vestiaire Collective, si sa che nel terzo trimestre ha realizzato una buona performance, «in linea con il primo semestre».

 

L'azienda di Parigi, nata nel 2009, ha appena inaugurato un nuovo centro logistico a Tourcoing e investito per migliorare la shopping experience dei suoi utenti.

 

stats