Trimestrali

H&M: utili in flessione, allerta per l'autunno caldo

Hennes & Mauritz chiude il terzo trimestre con utili pari a 4,8 miliardi di corone svedesi (circa 500 milioni di euro), in flessione del 9% rispetto allo stesso periodo del 2015. I ricavi sono invece saliti a 49 miliardi (circa 5 miliardi di euro), dai 46 miliardi precedenti.

 

Intorno alle 14 il titolo del colosso del fast fashion è scambiato poco sotto le 250 corone alla Borsa di Stoccolma, pressoché in linea con la chiusura di ieri.

 

Gli utili ante-imposte del trimestre terminato il 31 agosto mostrano un calo del 9% a 6,3 miliardi di corone, mentre gli analisti finanziari sentiti da Bloomberg si aspettavano la cifra di 6,37 miliardi. La flessione risente delle maggiori vendite a prezzi scontati e del rafforzamento del dollaro che ha pesato sui costi delle materie prime.

 

Il bilancio mostra anche una crescita del magazzino (+24%) ascrivibile a un insolito autunno caldo.

 

In nove mesi le vendite del gruppo sono passate da 132 a 139,5 miliardi di corone mentre i profitti sono diminuiti da 15,4 a 12,7 miliardi.

 

Nel quarto trimestre sono in programma 214 nuovi opening tra i quali il primo H&M store a Nicosia (Cipro) e il debutto ad Auckland (Nuova Zelanda). Restano gli interogativi sulle vendite dell'autunno-inverno, probabilmente penalizzate dal clima particolarmente mite.

 

Per il 2017 è in programma anche il lancio di uno o due brand non meglio specificati.

 

stats