Trimestrali

Hudson's Bay cresce, nonostante Saks Fifth Avenue (-5,7%)

Il retailer canadese Hudson's Bay Company (HBC) ha annunciato l'andamento dei ricavi del primo trimestre a periodi comparabili: +4,4% la performance consolidata (-1% a valute costanti). 

 

La controllata di HBC, Saks Fifth Avenue, ha accusato una flessione del 5,7%. Con l'acquisizione del department store di lusso, a fine 2013, Hudson's Bay si è ritrovata in portafoglio anche gli outlet Saks Off 5th.

 

Tuttavia, il business delle vendite di moda a prezzi scontati, ampliato lo scorso gennaio con l'acquisizione del sito di vendite flash Gilt Groupe (per 250 milioni di dollari), ha accusato un -4,1% a periodi comparabili, contro il +10% riportato un anno prima.

 

Le attività di HBC in Europa hanno registrato un +0,7% nel quarter terminato il 30 aprile, come somma delle performance di Galeria Kaufhof, ma anche di Galeria Inno (catena di department stopres in Belgio) e Sportarena (insegna di sportswear), entrate in portafoglio con l'acquisizione nel 2015 degli store Galeria Kaufhof da Metro Group.

 

A fare la differenza nella trimestrale sono stati non solo il business "department store group" (+2,3%), trainato dalle attività core di Hudson's Bay in Canada, ma anche quello delle vendite sui canali online, che hanno messo a segno un +7,4% a cambi comparabili.

 

HBC sembra uscire meglio di altri competitor americani da questa fase interlocutoria di mercato. Nei giorni scorsi Macy's ha pubblicato una trimestrale che mostrava un inatteso calo del 5,6% dei ricavi comparabili. Gap ha subito -5% e Nordstrom un -1,7%.

 

Nel quarter terminato il 31 gennaio Neiman Marcus Group, che tra le insegne controlla anche Bergdorf Goodman, ha registrato una flessione del 2,4%.

 

stats