Trimestrali

Lvmh: +4% i ricavi a nove mesi. Titolo in rialzo in Borsa

Il gruppo del lusso Lvmh archivia i primi nove mesi con ricavi in aumento del 4% a 26,3 miliardi di euro. Il terzo quarter, in particolare, migliora rispetto ai primi mesi dell'anno ma non marcia più a due cifre.

 

Il trimestre ha totalizzato un giro d'affari di 9,1 miliardi, in aumento del 6,5% rispetto allo stesso periodo del 2015, quando però l'accelerazione era stata del 16%.

 

Come sottolineano da Parigi, i tre mesi hanno rivelato una crescita organica del 6%, contro il +4% della prima metà dell'anno. L'Asia (Giappone escluso) ha segnalato un recupero «significativo», mentre per Usa ed Europa il management parla di «buon posizionamento». Fa eccezione la Francia, ancora sotto l'effetto-attentati, che ha provocato un calo del turismo.

 

Nei nove mesi profumi e cosmetici sono stati il business più dinamico (+6%), seguiti da vini e liquori e dal retail selettivo (+5%). Orologi e gioielli sono aumentati del 3%, mentre la moda (Louis Vuitton, Fendi, Céline, solo per citare alcuni marchi) ha registrato un debole +1%.

 

Nel periodo Lvmh ha annunciato la cessione di Donna Karan mentre pochi giorni fa ha ha concluso un accordo per la maggioranza della tedesca delle valigie Rimowa, che dovrebbe finalizzarsi nel gennaio 2017.

 

Nel tardo pomeriggio il titolo Lvmh è trattato sopra i 164 euro per azione alla Borsa di Parigi, in aumento del 4,5% rispetto alla chiusura di ieri. Come riporta Reuters, gli analisti avevano stimato una crescita del trimestre like-for-like tra il 3% e il 4%, contro il +6% effettivo (nella foto, la sfilata spring-summer 2017 di Louis Vuitton, disegnata da Nicolas Ghesquière).

 

stats