Trimestrali

Michael Kors oltre le previsioni nel terzo quarter

Michael Kors Holdings batte le stime degli analisti, con un terzo trimestre che ha totalizzato 1,77 dollari di utili per azione "adjusted", in aumento dell'8% circa dallo stesso periodo del 2017.

 

Nelle previsioni di Factset l'utile doveva attestarsi a 1,29 dollari per azione. Anche i ricavi trimestrali hanno sorpreso: 1,44 miliardi di dollari (+6,5%) contro una previsione di 1,38 miliardi. Nella cifra è compreso il contributo del marchio Jimmy Choo (114,7 milioni), consolidato da novembre.

 

Nel periodo terminato il 31 dicembre 2017 i profitti netti sono scesi a 219,4 milioni, dai precedenti 271,3 milioni.

 

Da un confronto a parità di superficie distributiva le vendite retail di Michael Kors sono diminuite del 3,2%. I ricavi wholesale della label hanno registrato una diminuzione dell'8,9%, per effetto di una riduzione del magazzino. I ricavi dalle licenze sono saliti del 12,3% a 48,3 milioni.

 

Nei nove mesi i ricavi sono passati da 3,43 a 3,54 miliardi di dollari, mentre i profitti sono diminuiti d 578,3 a547,6 milioni.

 

Il gruppo sta portando avanti il piano strategico 2020, volto a elevare il posizionamento del brand Michael Kors nel segmento del fashion luxury. Nel quarto trimestre fiscale le vendite sono attese fra 1,11 e 1,13 miliardi di dollari. Numeri che tengono conto di un faturato di Jimmy Choo fra 110 e 115 milioni.

 

stats