Trimestrali

Under Armour di nuovo in perdita ma +27% le vendite all'estero

Per il secondo anno consecutivo, il marchio di sportswear americano Under Armour ha accusato una perdita nel primo trimestre dell'esercizio ma i ricavi, sostenuti dalle performance all'estero, hanno superato le aspettative degli analisti.

 

Il risultato dell'azienda di Baltimora è stato negativo per 30,2 milioni di dollari (o 7 centesimi di dollaro per azione), dal rosso di 2,3 milioni (o 1 centesimo per azione) di un anno prima.

 

Se si escludono i costi relativi al piano di ristrutturazione (nell'intero 2018 stimati fra i 110 e i 130 milioni di dollari) e altri oneri fiscali, nei tre mesi Under Armour ha totalizzato un milione di dollari di profitti.

 

I ricavi del marchio sono aumentati del 6% a 1,19 miliardi. Gli analisti sentiti da Thomson Financial Network si aspettavano un fatturato di 1,12 miliardi e una perdita in linea con quella effettiva, a 7 centesimi di dollaro per azione.

 

Preoccupanti le rimanenze di magazzino, aumentate del 27% nel quarter a 1,1 miliardi di dollari.

 

A incidere sulle performance della società è la debolezza dei consumi in Nord America, che a tutt'oggi pesa per oltre il 70% sui ricavi totali: -0,7% le vendite nell'area, a 867 milioni di dollari. All'estero invece il turnover è salito del 27%.

 

Come riportano i media americani, la label risentirebbe di una crisi di identità. Collaborazioni con rapper come A$AP Rocky sembra non bastino a trasformare Under Armour in un brand dell'everyday wear. Gli shopper, almeno in Nord America, continuerebbero a percepirla come una linea funzionale, per le performance sportive.

 

Il management guidato dal ceo Kevin Plank non ha modificato le previsioni sull'intero anno. Le vendite dovrebbero crescere a un tasso "low single-digit". In Nord America è previsto un calo intorno al 5%, mentre l'export dovrebbe aumentare di oltre il 25%.

 

L'ebit annuale è atteso fra 20 e 30 milioni di dollari. Esclusi gli oneri di ristrutturazione, l'utile operativo "adjusted" dovrebbe oscillare fra 130 e 160 milioni.

 

stats