VENDITE ONLINE

Sarenza: raggiunto in Italia il traguardo dei 7 milioni di articoli venduti

L’online retailer di calzature Sarenza ha annunciato di aver raggiunto il traguardo dei 7 milioni di prodotti venduti in Europa, grazie all’ordine di un sandalo di Steve Madden da parte di una consumatrice italiana.

 

Il nostro Paese è considerato dal ceo Stéphane Treppoz uno dei “più trainanti e performanti” al momento, dove ci si attende una crescita importante anche nel 2013.

 

“Gli italiani hanno un atteggiamento di acquisto molto positivo sul nostro sito - informa Treppoz -, con un valore medio del carrello più alto rispetto agli altri europei”. Si tratta dunque di incentivarli con proposte sempre nuove, oltre che con il consolidato modello di business dell’azienda, basato sul concetto di “iper-scelta e iper-servizio”: Sarenza propone infatti un’offerta di oltre 600 marchi, più di 40mila modelli e più di un milione di articoli in stock e garantisce ai suoi clienti consegna e reso gratuiti.

 

Inoltre, soprattutto in vista dell’autunno-inverno 2013/2014, Sarenza ha sviluppato collaborazioni con importanti stilisti, come Sonia Rykiel, Terry De Havilland e Robert Clergerie, per rendere ancora più interessante il proprio sterminato negozio virtuale dove, tra l’altro, mette alla prova anche designer emergenti, attraverso un lavoro di scouting che aiuta l’intero settore della moda ad avere una visione più ampia e critica delle proposte disponibili oggi sul mercato. Le nuove linee, frutto dello scouting dell’e-tailer, sono ad esempio Skin by Finks, Sol Sana, Be&D, Mohekan e T.Odo.

 

“Come negozio online consultabile ovunque e in qualunque momento, grazie alla versione ottimizzata per mobile - spiega Constance Le Ferrand, direttrice acquisti di Sarenza - dobbiamo essere capaci di fare ogni stagione proposte nuove e, perché no, azzardate, proprio per offrire la più vasta gamma possibile. È un rischio che ci assumiamo ogni anno e i numeri, fino adesso, ci hanno dato ragione”.

 

La società ha chiuso il 2012 con un fatturato di 131 milioni di euro, in crescita del 30% sul 2011.

 

stats