Vendite

I nostri sondaggi: le vendite bimbo ancora in flessione

In contrazione il sell out sia di abbigliamento, sia di accessori infantili: l’88% dei dettaglianti intervistati da Fashion dichiara di avere venduto full price in questa stagione meno del 50% dell’assortimento. I negozianti richiedono pertanto una maggiore collaborazione da parte delle aziende.

 

Le difficoltà di mercato creano seri problemi anche ai multimarca di childrenswear di tar  get elevato, come testimoniano i quasi 50 titolari di boutique multimarca italiane che hanno partecipato al nostro sondaggio. Oltre alla crisi economica, il brutto tempo che ha infierito fino a giugno non è certo stato d’aiuto per risollevare le sorti di una primavera-estate, che in molti definiscono “da dimenticare”.

 

Per quanto riguarda le vendite di abbigliamento per i più piccoli, il 69 % dei commercianti intervistati lamenta una contrazione del sell out (di questi il 39% indica una flessione pari al 30%) e il restante 31% testimonia un andamento stazionario. Molto simile la performance degli accessori: in questo caso la contrazione è del 71%.

 

A conferma dell’inappetenza del mercato anche le vendite full price dichiarate prima dell’inizio ufficiale dei saldi: l’88% degli intervistati parla di un turnover sotto il 50% - con il 48% che dichiara un range tra il 30% e il 40% - e solo un modesto 12% vanta un fatturato a prezzo pieno tra il 50% e il 60%.

 

Per quanto concerne i vari segmenti di offerta, il teen e il kid femmina hanno raccolto i maggiori consensi da parte della clientela, mentre le proposte per i maschietti hanno deluso maggiormente le aspettative. Il target neonato/baby ha invece ottenuto esiti contrastanti: in alcuni negozi è andato bene, in altri no. In generale, comunque, i marchi italiani specializzati (73%) hanno avuto la meglio sulle griffe sempre italiane (26%) e sui brand stranieri (3%).

 

In tema di best seller, i piccoli consumatori hanno premiato principalmente le T-shirt (37%), seguite a lunga distanza da polo, camicie e jeans. Le bimbe hanno optato in primo luogo per l’abito/scamiciato (38%) e in seconda battuta per i legging (21%), da abbinare alle T-shirt (17%).

 

L'articolo "Carte in tavola" è pubblicato integralmente sul numero 1871 di Fashion, in distribuzione in questi giorni (nella foto una vetrina della boutqiue Petit Madeleine a Termoli (Cb).

 

 

stats