Vertenze

Brioni: il confronto con il Ministero sui 400 esuberi prosegue domani

La nomina del nuovo direttore creativo, Justin O'Shea, non scioglie il nodo del piano di ristrutturazione di Brioni. Dopo l'incontro di ieri (22 marzo) al Mise per discutere nel merito del piano industriale (a rischio ci sono 400 posti di lavoro) le parti hanno deciso di prendersi 48 ore di tempo e si incontreranno giovedì mattina a Pescara nella sede della Regione.



Alla riunione a Roma hanno preso parte l’amministratore delegato della casa di moda di proprietà di Kering, Gianluca Flore, e i rappresentanti sindacali, con l’intervento, oltre che del ministero dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, del vicepresidente della Regione Giovanni Lolli.



Domani si tornerà a parlare dei 400 posti di lavoro messi in discussione nei tre stabilimenti dell'area vestina, Montebello di Bertona, Civitella Casanova e Penne e corrispondenti a un terzo dei 1.200 dipendenti del marchio.

 


Il numero dei licenziamenti per il momento resta del tutto indicativo, visto che gli esuberi al momento non sono stati formalizzati dalla direzione aziendale. E che non ha aperto al momento alcuna procedura e che, anzi, si è detta disposta ad avviare una discussione di merito sul piano industriale.

 

stats