A fuoco la fabbrica delle scarpe Rockstud

Valentino: l'incendio non ferma la produzione. Venturini: «Subito  un piano di riprogrammazione»

«Ci stiamo adoperando per riprogrammare le attività produttive, in modo da minimizzare l'impatto socio-economico»: con queste parole Jacopo Venturini, ceo di Valentino, rassicura sul proseguimento della produzione delle Rockstud dopo l'incendio che, nella notte tra giovedì 1 e venerdì 2 aprile, ha distrutto lo stabilimento dove si producono le scarpe da donna con le borchie diventate simbolo (e best seller) della maison.

Il Valentino Shoes Lab si trova a Bucine, in provincia di Arezzo. Oltre all'edificio, ai macchinari e agli impianti sono andate in fumo anche migliaia di scarpe (tra semilavorati e prodotto finito), provocando danni stimati in diversi milioni di euro. Fortunatamente nessuno dei 160 lavoratori impiegati nel sito era presente al momento del rogo.

Entro domani, venerdì 9 aprile, secondo quanto pubblicato da IlSole24Ore, l'azienda farà sapere quando e dove ripartirà la produzione.

Tra le ipotesi prese in considerazione c'è l'affitto di un capannone, sempre in provincia di Arezzo, dove riversare interamente la produzione. L'alternativa sarebbe impiegare l'altro stabilimento toscano di Valentino, che si trova a Montelupo Fiorentino, a circa 80 chilometri di distanza da Bucine. Una strada percorribile è anche quella di un mix tra le due ipotesi.

 

an.bi.
stats