A maggio crescita a due cifre in Cina

Ferragamo recupera in Borsa dopo le dichiarazioni del presidente

Tornano gli acquisti sul titolo Salvatore Ferragamo che alla Borsa di Milano si avvia a chiudere la seduta con un +1,38% al prezzo di 10,30 euro per azione, dopo aver toccato un minimo a 10,16 euro venerdì scorso, mentre ripartivano le tensioni a Hong Kong (-5,76% la performance a un mese, -40,36% quella a sei mesi).

Un rialzo in linea con quello dell'indice Ftse Mib mentre tra i titoli italiani della moda salgono anche Moncler (+1,28%) e Aeffe (+6,38%). In controtendenza, invece, Brunello Cucinelli (-1%) e Tod's (-1,1%).

Il trend della maison toscana è sostenuto dalle dichiarazioni di Ferruccio Ferragamo ad Affari e Finanza. Secondo il presidente il business sta mostrando segnali di recupero in Cina, dove a maggio le vendite nei negozi hanno mostrato una crescita a doppia cifra.

La moda risente positivamente anche delle dichiarazioni di Kering nel weekend sulla riapertura dei negozi in Francia. Il gruppo francese ha parlato di vendite oltre le attese.

Nel primo trimestre dell'anno i ricavi di Ferragamo hanno accusato un calo del 30% mentre l'ebitda è sceso dell'82%. Tra le priorità del ceo Micaela Le Divelec Lemmi c'è il digitale: non solo e-commerce, ma anche iniziative per ingaggiare i clienti e porre i riflettori sui valori etici e di sostenibilità del gruppo. 

e.f.
stats