acquisizioni

Confermato: Lanvin passa al gruppo cinese Fosun

Le indiscrezioni trapelate nelle ultime settimane sono state confermate da un comunicato ufficiale: Lanvin, la più antica casa di moda francese, entra nell'orbita di Fosun. Non sono noti i risvolti economici dell'operazione, ma si dice che per accaparrarsi la griffe il colosso cinese abbia sborsato 100 milioni di euro.

 

Fosun, che controlla tra gli altri il brand italiano Caruso, entra nel capitale come socio di maggioranza, mentre agli azionisti attuali - guidati dall'imprenditrice taiwanese Shaw-Lan Wang, che aveva rilevato Lanvin nel 2001 - resta una quota di minoranza.

 

Come sottolinea Nicolas Druz, ceo di Lanvin, il neo-proprietario «non solo ha una notevole sintonia con il marchio, ma si avvale di una solida presenza sui mercati europeo e globale, grazie anche al partnership di successo, come quella con Club Med e con la label di moda Tom Tailor. Siamo convinti che Fosun sia il partner giusto, con il quale sviluppare strategie a lungo termine».

 

«Abbiamo alle spalle 130 anni di storia - aggiunge Simone Mantura, deputy general manager della maison, nata nel 1889 su iniziativa di Jeanne Lanvin -. Fosun, dal canto suo, è uno dei gruppi più giovani e dinamici del momento. Si tratta di un'alchimia entusiasmante e ricca di potenzialità».

 

Guo Guangchang, chairman di Fosun International, sottolinea come «non tutti i brand siano in grado di attraversare una storia lunga un secolo ed essere ancora in grado di brillare: Lanvin lo ha fatto e non possiamo che essere onorati di avviare questa partnership. Abbiamo la certezza che una realtà nota in tutto il mondo, con un heritage radicato, possa sfruttare ancora enormi potenzialità».

 

«Non dimentichiamo che la Cina rappresenta il principale driver di crescita del lusso - interviene Joann Cheng, vice cfo di Fosun International ed executive president di Fosun Fashion Group -. Con l'esperienza e le risorse globali di cui disponiamo possiamo incrementare il valore di Lanvin e rafforzare il suo posizionamento nell'alto di gamma, attraverso collezioni prodotte in Italia e Francia».

 

A Fosun Fashion Group fa capo, oltre a Caruso e Tom Tailor, anche St John Knits. Ma l'ingresso di Lanvin è il classico "colpo grosso", che potrebbe preludere ad altri investimenti nel settore luxury. «Questo investimento - ribadisce una nota - ci permetterà di creare una piattaforma focalizzata sulla moda».

 

La casa madre Fosun International Limited è stata fondata nel 1992 ed è attiva in diversi ambiti, tra cui il benessere. Quotata alla Borsa di Hong Kong, vanta asset per circa 75 miliardi di dollari (nella foto, la primavera-estate 2018 di Lanvin, prima prova per il direttore creativo Olivier Lapidus. La griffe è nel calendario ufficiale dell'imminente edizione della fashion week parigina con un evento - quasi certamente non una sfilata - il 28 febbraio).

 

stats