acquisizioni

Csp si prende Perofil: «Ora più forti anche nell'uomo»

Ieri, 18 maggio, è avvenuto il closing dell'acquisto di Perofil Fashion da parte di Csp International Fashion Group. Valore provvisorio dell'operazione, circa 8 milioni di euro.

 

Rilevando Perofil il gruppo Csp, quotato in Borsa, completa la propria presenza nel mercato dell'intimo e della calzetteria uomo - core business della realtà acquisita - e donna. Obiettivo, diventare un polo internazionale dell'alto di gamma.

 

Come ha sottolineato Francesco Bertoni, presidente di Csp International, grazie al deal la storia centenaria di Perofil avrà una continuità, «con la volontà di proseguire a diffondere lo stile e il gusto italiano nel mondo».

 

A Csp, nata nel 1973 a Ceresara nel mantovano, fanno capo i marchi Sanpellegrino, Oroblù, Lepel, Liberti, Le Bourget, Well e Cagi. Il 2016 si è chiuso con un fatturato consolidato in aumento del 2,4%, pari a 126,2 milioni di euro e con un ebitda pari a 7,2 milioni di euro.

 

Risale al 1910 la fondazione a Bergamo di Perofil, detentrice del brand omonimo e di Luna di Seta, oltre che della licenza Bikkembergs. In questo caso si parla di un giro d'affari netto che si aggira per il 2016 sui 14,4 milioni, con un ebitda di circa 1,2 milioni (nella foto, una T-shirt Perofil).

 

stats