ACQUISIZIONI

Talenti rilancia Mabrun e prepara lo sbarco nel retail

Mabrun riparte con Talenti. L'azienda di Empoli, specializzata nella produzione di capispalla, ha infatti recentemente rilevato il marchio Mabrun, storica etichetta di outerwear che faceva capo all'omonima azienda di San Lazzaro di Bassano, fondata nel 1936 e fallita nel 2016.

«Abbiamo voluto ridare voce a un marchio molto conosciuto e apprezzato per la sua qualità - racconta a fashionmagazine.it il direttore generale Riccardo Baronti -. A nostro avviso sul mercato manca un prodotto elegante e di buona fattura, adatto non solo ai Millennials, e crediamo Mabrun abbia tutte le carte in regola per tornare ad avere successo».

A qualche mese di distanza dall'acquisizione, a Empoli è tutto pronto per l'avvio della nuova avventura, con una sede e una squadra ad hoc per la gestione del brand, la cui produzione è suddivisa per metà in Italia e metà all'estero, tramite aziende di proprietà di Talenti.

Un nuovo business in house, per la realtà toscana, che rappresenterà anche il debutto nel retail, canale prioritario scelto per la commercializzazione della collezione appena entrata in scuderia.

«Partiremo con l'inaugurazione di uno spazio al Franciacorta Outlet Village, per poi proseguire con uno sviluppo di negozi monomarca in alcune piazze strategiche dello shopping», specifica Baronti, che guarda a Centro e Nord Italia e ad aree limitrofe come Austria e Germania come zone di riferimento per l'avanzata del brand.

«Pensiamo in primis a Milano - aggiunge il manager - ma non vogliamo correre. Preferiamo fare un passo alla volta e per il momento ci concentriamo sul primo opening, previsto per ottobre».

Fondata nel 1982, la nuova casa madre di Mabrun è attiva sul mercato con oltre 1.100 punti vendita wholesale.

a.t.
stats