Balzo del 52% dell’e-commerce

Ralph Lauren: nell'ultimo quarter riprende quota e riduce le perdite

Dopo un anno di ristrutturazione sotto la guida del ceo Patrice Louvet, la griffe statunitense raccoglie i frutti nell’ultimo quarter del fiscal year e torna a crescere. I ricavi del periodo sono aumentati dell'1% a 1,29 miliardi di dollari dagli 1,27 miliardi dell'anno precedente, con un balzo del 52% dell’e-commerce.  

Le perdite nette del trimestre conclusosi il 27 marzo si sono ridotte a 74,1 milioni di dollari, o 1,01 dollari per azione, rispetto ai 249 milioni di dollari, o 3,38 per azione dell’analogo periodo del precedente fiscal year. L'utile per azione rettificato è stato di 38 centesimi. 

«Quest'anno fiscale abbiamo riposizionato la nostra azienda in vista di un ritorno a un successo duraturo, accelerando le nostre capacità digitali e di marketing, eliminando i problemi strutturali, concentrando il nostro portafoglio di marchi e riallineando la struttura dei costi. Il tutto continuando il nostro viaggio di uprading della griffe in tutto il mondo», ha spiegato Louvet.

«Nel quarto trimestre i nostri team hanno dimostrato un'incredibile capacità di recupero, portandoci a ottenere risultati operativi migliori del previsto in tutte le regioni, poiché il nostro marchio è stato ben recepito dai consumatori abituali e da quelli nuovi. Guardando al futuro, anche se la situazione rimane volatile, con la forza del marchio, i nostri team e la posizione operativa, siamo fiduciosi nella nostra capacità di mettere a segno una crescita sostenibile a lungo termine e la creazione di valore nel Fiscal 2022 e oltre».

Il gruppo ha operato su più fronti in questo periodo, incidendo sul real estate e sull’organico e siglando un accordo per vendere il brand Club Monaco alla società di private equity Regent. Ha portato oltre quattro milioni di consumatori nella sua rete direct-to-consumer, molti dei quali più giovani di una volta, e ora sta cercando di guardare al futuro insieme a loro. 

«È stato un anno di grandi sfida e riflessione, sia per la nostra azienda che per le comunità di tutto il mondo – è il commento di Ralph Lauren, presidente esecutivo e chief creative officer dell’azienda -. Per noi è stato un reminder dell'importanza di rimanere fedeli alla nostra visione di base - ancorata alle idee di atemporalità e autenticità - mentre abbracciavamo nuovi modi di entrare in contatto con le persone. Crediamo che il tipo di lusso per cui ci battiamo - inclusivo e caratterizzato da uno spirito di unione, ottimismo e amore - sia ciò che le persone desiderano».

c.me.
stats