base d'asta da 1,2 milioni di euro

In Galleria l'Urban Center fa gola alla moda

Il Comune di Milano ha approvato le linee di indirizzo della gara di assegnazione a canone di mercato dello spazio di ben 748 metri quadri in Galleria Vittorio Emanuele, attualmente occupato dall'Urban Center, che è pronto a trasferirsi all'ingresso del Palazzo dell'Arte della Triennale.

Si parte da una base d'asta di quasi 1,2 milioni di euro per il canone annuo, una cifra calcolata sulla base dell'importo al metro quadro stabilito dall'Agenzia delle Entrate.

Da notare che a luglio la concessionaria italiana di Yves Saint Laurent, SL Luxury Retail, ha conquistato 82 metri quadri nel Salotto dei milanesi, occupato da Nara Camicie, grazie a un'offerta di 869mila euro sulla base d'asta, pari a 131mila euro, arrivando a mettere sul piatto un milione di euro per una superficie di molto inferiore a quella dell'Urban Center.

La moda è quindi una probabile nuova inquilina anche dell'attuale sede di questo centro multimediale per l'informazione e la partecipazione sui progetti di sviluppo del territorio, che si prepara a traslocare nel complesso artistico e culturale di viale Alemagna.

«Saranno preferiti negozi di accessori di design e di pregio, alta sartoria, profumeria di lusso, arte e antiquariato, arredamento e design. Che mirino all’alta qualità estetica del progetto di arredo e che prolunghino gli orari di apertura al pubblico», ribadisce un comunicato di Palazzo Marino.

«Obiettivo dell’amministrazione, visto il contesto di pregio - ribadisce la nota - è che l’offerta commerciale sia altamente qualificata e che il sito possa essere anche una vetrina dell’eccellenza del made in Italy o internazionale. Che venga rispettato e promosso il mix merceologico della Galleria».

L'aggiudicazione avverrà secondo il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, con la presentazione di un'offerta economica (punteggio massimo 40 punti) e una tecnica, con massimo 60 punti.

a.b.
stats